HAUTE COUTURE A PARIGI- F/W 2014

Nel corso della Fashion Week parigina, abbiamo avuto modo di assistere a varie sfilate davvero interessanti.
Proposte  dal grande impatto emozionale, provenienti da due maison francesi e due italiane, centri della moda nel mondo.
Parliamo delle collezioni di Chanel e Christian Dior, e delle linee di Armani Privè e Valentino.

Iniziando da Chanel, si può dire che Karl Lagerfeld abbia finalmente avuto modo di realizzare il suo sogno di creare una sfilata in un grande spazio ( il “suo” grand palaie) come se ci trovassimo in un interno domestico, con tanto di  camino, concependo una scenografia anche questa volta d’eccezione, ispirata dal visionario architetto Le Corbusier.
Infatti, alle estremità della catwalk sono stati sistemati dei caminetti alimentati con fiamme digitali e sopra la mensola un grande specchio barocco: il risultato è secentesco e misterioso, provocatorio ed intrigante.
Si sa, lo scenario è sempre fondamentale per l’eclettico stilista e designer; che quest’anno impone e celebra “taglio e cucitura” nella couture, nel rendere di nuovo attuale un aspetto classico ed essenziale nell’alta moda.
L’innovazione continua, in quanto i modelli proposti risultano “scolpiti” su corpo : shorts, giacche e gonne abbinate con le splendide scarpe, gli elementi protagonisti della passerella. Lo Show è chiuso dall’ingresso di lunghi abiti candidi.
Tutta la collezione evidenzia la dualità del brand, quale austerità ed essenzialità contrapposte ad un esotico orientalismo.

Per quanto concerne Christian Dior, il suo designer, Raf Simons, preferisce come sempre rivolgere il suo lavoro al futuro e al rinnovamento.
La sfilata è stata divisa in otto gruppi, che hanno spaziato in diverse epoche storiche in quanto a stile; lasciando che i modelli, con le loro caratteristiche e dettagli sorprendessero gli ospiti.
Tuttavia, tutta la linea, nonostante la sua varietà, è risultata estremamente all’avanguardia e come da tradizione ormai, moderna nelle scelte.
Abiti preziosi ma con essenziali decorazioni, resi sontuosi dai materiali luminosi e forme voluttuose.
Aspetto interessante del nuovo stile di Dior è quello di non essere pensato soltanto per occasioni speciali, poiché la bellezza va vissuta giorno per giorno.
Colli e scialli molti ampi, giacche corte in lana, velluto o astrakan, abbinati a maglie e pantaloni dal taglio classico.

Lo show di Armani Privè è il risultato di una maison che sa bene come esprimere uno stile completo e definito.
Di grande effetto la proiezione soft-focus di una donna che balla in rosso; una catwalk come una festa di red, white and black.
Giorgio Armani guarda con decisione il futuro la linea proposta, che è considerata come un “parco giochi” per sperimentare.
Un capo che ha suscitato forti emozioni è stato il cappotto in rosso con dettagli e applicazioni strass.
Elementi centrali : shorts couture, giacche a trapezio con spalle a punta, tenaci trasparenze in tulle a pois.
Tutto è brillante.  Materiali “insidiosi” : pelliccia che non è pelliccia perché realizzata in organza, mohair che non è mohair perché realizzato in nylon.

La collezione di Valentino è pensata per il presente con uno sguardo sempre rivolto alla tradizione.
Capi particolari ed eclettici, dai sandali modello gladiatore allacciati fino al ginocchio; alle margherite disegnate a mano su capi in organza nude.
Interessante il cappotto in lamè oro con ricami in perle, cristalli e seta.
Abiti che disegnano la figura con tessuti drappeggiati e talvolta asimmetrici; pensati probabilmente con un’idea di innocenza e purezza, molto adatti per fisici filiformi.

Parola d’ordine per questa linea è naturalezza e semplicità delle forme, nell’eleganza caratteristica del brand.

Tre fashion show diversi, tre immagini e modelli di donna, egualmente creativi, egualmente degni di nota.

 

Eleonora De’ Giorgio

 

Chanel haute couture1 Edoardo Alaimo

CHANEL

 

Chanel haute couture2 Edoardo Alaimo

CHANEL

  

Dior haute couture1 Edoardo Alaimo

DIOR

 

Dior haute couture2 Edoardo Alaimo

DIOR

 

Armani Privè1 Edoardo Alaimo

Armani PRIVE’

 

Armani Privè2 Edoardo Alaimo

Armani PRIVE’

 

Valentino haute couture1 Edoardo Alaimo

VALENTINO

 

Valentino haute couture2 Edoardo Alaimo

VALENTINO

 

Photocredits: Style.com

Be first to comment