Bulgari&Isabella Ferrari: la mostra “Forma e luce”

 Uno degli eventi che attendevo di più  della XXV edizione di Alta Roma lo scorso Luglio è stata di certo l’apertura della mostra fotografica curata dal fotografo Massimo Cardelli per  Bulgari dal titolo “Forma e luce”, di cui Isabella Ferrari è stata protagonista indiscussa. 

L’ exhibition, concepita con scatti unicamente in bianco e nero, confluirà in un elegante catalogo il cui ricavato andrà interamente a Save the children, organizzazione internazionale indipendente con il quale Bulgari ha deciso di collaborare dal 2009 in difesa dei bambini fragili di tutto il mondo.

L’evento, è stato organizzato all’interno di una delle location più scenografiche di Roma, gli Horti Sallustiani, con un parterre davvero d’eccezione, tra cui l’attore Riccardo Scamarcio, la designer Delfina Delletrez Fendi, Valter Veltroni, il giornalista Marco Travaglio, l’amministratore delegato Bulgari J.P. Babin e la raffinatissima moglie Marzia che ho avuto piacere di conoscere durante la serata. 

In sincerità, gli scatti di Massimo Cardelli, se pur indiscutibilmente artistici, non mi hanno trasmesso quel surplus di spirito femminile che l’autore avrebbe sicuramente voluto comunicare.Le figure di Saffo, Giovanna D’Arco, Antigone, e delle numerose donne mito della storia che l’artista voleva riunire attraverso l’immagine della Ferrari, non riescono a trasmettere coerenza, se non nella loro i conicità atemporale.

Da Marilyn Monroe  a Giovanna D’Aragona, giusto per citarne qualcuna, il volo potrebbe sembrare sempre troppo pindarico.

Toccante il discorso in chiusura dell’amministratore delegato Babin che ha rinnovato l’impegno di Bulgari nel promuovere cause tanto nobili.

Per il front row indossavo un total look di Hermès e gioielli rigorosamente Bulgari.

 

Edoardo Alaimo evento Bulgari1

 

Edoardo Alaimo evento Bulgari2

 

Edoardo Alaimo Bulgari7

 

Edoardo Alaimo evento Bulgari3

 

Edoardo Alaimo evento Bulgari5

 

Edoardo Alaimo evento Bulgari4

 

Edoardo Alaimo Bulgari

 

 

Photocredits: Alta Roma

Be first to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.