BLOGGERSPOINTOFVIEW:THE BEST OF ALTA ROMA FASHION WEEK

Una settimana piena di eventi in cui un gruppo di talentuosi fashion bloggers ha creato una vera e propria squadra conquistando Roma e le sue sfilate.
Ed eccoci quindi a siglare un progetto nuovo in cui al centro ci sono i giovani che danno il loro punto di vista e che diventano protagonisti di una serie di video speciali condivisi in esclusiva dal noto portale di informazione on-line Affari Italiani.
Invitati da ogni maison a presenziare nelle prime file delle loro sfilate, eccoci immersi in un racconto magnifico in cui abbiamo cercato di mostrare come essere blogger in certi casi vuol dire svolgere il proprio lavoro con criterio, cultura e stile.

Lo stile infatti che caratterizza ognuno dei 6 bloggers di “My point of view“è completamente differente e non per questo meno interessante. Il punto di vista di ognuno infatti muta facendo percepire la moda come un fenomeno più sociale, street e luxury.
Ma veniamo agli eventi della settimana; degni di nota le sfilate di Giada Curti, dove la collezione di prèt à couture ispirata a Portofino mi ha trasmesso positività attraverso un uso sapiente di colori , tessuti preziosi, e raffinati foulard annodati in testa; Da vera couture poi le proposte di Nino Lettieri, che recupera la tecnica sartoriale del plissè applicata a completi giorno e cocktail ideali per una cena estiva; E come non citare poi la purezza delle forme di Esme Vie, brand vincitore dell’ultima edizione di Who’s the next che tanto avevo ammirato già dalla prima collezione in passerella. Grande emozione poi a Roma per ASVOFF, il primo festival internazionale dei corti di moda ideato dalla blogger Diane Pernet con il contributo di Bulgari e Alta Roma; è qui infatti che ho avuto il piacere di conoscere Isabella Ferrari e Sabina Belli, direttrice della comunicazione Bulgari. E poi come non citare Room service, le suite del grand hotel Flora di Via Veneto che mostrano le novità di brand emergenti e non di cui vi parlerò meglio nella mia video intervista per  Affari Italiani.
Una programma innovativo che “ha cercato di svecchiare Alta Roma” come ha dichiarato Maria Katia Doria, e come moltissimi di noi pensano ma che spesso non hanno il coraggio di manifestare tanto apertamente. Pubblico internazionale quest’anno con un pàrterre d’eccezione: da Silvia Venturini Fendi e Valeria Mangani (presidente e vice presidente di Alta Roma) a Lapo Elkann, da Bryan Boy a Natasha Slater. La moda è senso culturale e per questo spirito di evoluzione. Bisogna sempre innovare con il rispetto del passato, ecco perchè spazio ai nuovi sistemi di comunicazione. Alta Roma non è stata però spenta come molti giornalisti hanno detto, la freschezza nelle cose va cercata e ritrovata, i segni di rinnovamento ci sono basta saperli cogliere, valorizzare e sviluppare al massimo.

La collezione ” Portofino” di Giada Curti

La purezza delle forme di Esme Vie

L’uscita finale di Gattinoni presso la Nuvola di Fucsas all’Eur

I raffinati giochi di plissè di Nino Lettieri

La collezione ” Portofino” di Giada Curti

Photocredits: Alessandro Antonini
Ilaria

2 Comments

  • Rispondi febbraio 1, 2014

    Dario Styling

    Ottime osservazioni su cui concordo. Segnali di runnovamento e modernita’ci sono ad AltaRoma ma non tutti hanno la sensibilita’/la preparazione e/o le competenze di trovarli e sopratutto comunicarli…bravi di nuovo x il progetto!

Leave a Reply