Giada Curti and Abed Mahfouz fashion show

Giada Curti e Abed Mahfouz:
diversamente abili a trasmettere sogni di moda, i due designers sono di certo i miei preferiti del calendario di Alta Roma-Alta moda F/W 2013.

Un’ambientazione unica nel suo genere: il St Regis di Roma e una data anch’essa molto particolare: il 5 luglio in anteprima assoluta di calendario per Alta Roma-Alta moda.
Giada Curti, una delle designer più importanti della capitale, mi ha stregato per la bellezza dei suoi 8 abiti di Haute couture, pensati per i galà  e gli eventi più sfarzosi del prossimo autunno inverno 2013/2014.
La collezione, chiamata da lei stessa “Le Bandeau d’amour” è un inno alla femminilità più romantica e sfacciata, con tessuti preziosissimi attraverso i quali rivivono silhouette di oggi.

La sfilata, che rimembra nello stile i fasti dei primi defilè a Palazzo Pitti a Firenze, trae ispirazione già dall’iconico titolo alla regina di Francia Marie Antoinette, che usava porre una fascia di pizzo o organza per raccogliere i suoi fascinosi boccoli.

Ogni modello, dichiara la stilista, è in realtà dedicato a 8 figure importanti della storia, da Elisabetta D’Austria a Paolina Borghese.

Pizzi rebrodè e macramè, voile e fili di platino e paillettes per lunghi abiti ornati da cappe over in organza, fiocchi e applicazioni di cristalli per le uscite più rappresentative perfette per una sposa.

Giada Curti fa rivevere il senso più alto dell’Alta moda italiana, senza troppi giri di parole o sensi concettuali sconnessi. Ogni abito fa parte di un macro cosmo di bellezza che però vive da solo, illuminando la passerella di luce propria.

 Mahfouz è davvero una delle sfilate che aspetto con più piacere ogni anno ad Alta Roma. Pietre luminosissime a ornare lunghi metri di chiffon di seta, modelli da gran damè con un allure sempre moderna e sicuramente chic.

Chic è un termine che non adoro nella moda, troppo pronunciato e spesso a sproposito. Ma per la nuova collezione di Abed Mahfouz, il libanese che fa sognare le donne di tutto il mondo, non saprei davvero quale altro aggettivo potrebbe esprimere meglio tale estasiante bellezza.

Bellissimi i nuovi colori blu maui e verde menta, eleganti i tessuti ornati sempre da pietre e dalle forme molto regolari come i lunghi abiti da sera a sirena.

Gloriosa l’uscita finale della sposa, vero elogio alla produzione handmade e alla raffinatissima arte del ricamo.

Photocredits:
Giada Curti: Maria La Torre
Abed Mahfouz-press office

Be first to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.